MANTENERE LA PROMESSA

Sui banchi dell’università ci hanno insegnato che la logistica fa parte della catena del valore, rappresentazione di tutte le attività che creano un vantaggio competitivo all’interno di un’organizzazione.

Il ruolo della logistica in questo contesto è fondamentale: gestire il processo produttivo e distributivo coordinando in modo integrato tutte le attività a partire dalla gestione della domanda, delle scorte, dei riapprovvigionamenti e della distribuzione fisica tenendo ben presente che i processi logistici rappresentano sì l’ultimo anello della catena, ma anche quello più vicino a uno dei principali attori: IL CLIENTE.

Per questo possiamo dire che la logistica ha un compito ancora più importante: mantenere la promessa fatta al cliente.

Mantenere la promessa significa riuscire a rispondere in maniera corretta, efficiente e puntuale alle sue aspettative, monitorando tutta la fase di consegna, gestendo gli imprevisti e informando il cliente in tempo reale.

come MANTENERE LA PROMESSA fatta al cliente?

È fondamentale studiare strategie operative e di programmazione, analizzando con precisione le esigenze di ogni singolo brand e di ogni singolo prodotto, dal packaging, alle caratteristiche dell’imballo di spedizione, fino all’integrazione con i software di gestione ordini, cercando di creare degli standard di processo per i flussi informatici e di magazzino, che consentano da un lato di mantenere una certa flessibilità e dall’altro garantiscano ottimizzazioni continue e aumento di efficienza che solo le standardizzazioni dei processi permettono di ottenere.

Si devono poi analizzare le diverse tecnologie mantenendo un occhio sempre attento alle continue innovazioni di mercato; si valutano costi e benefici, si calcolano i roi sugli investimenti per ottenere il miglior bilanciamento tra la qualità del servizio e le ottimizzazioni di tempi e costi, non tralasciando le decisioni strategiche sulla scelta degli impianti e sugli impatti delle attività manutentive e di monitoraggio degli aspetti di sicurezza in ogni attività e flusso di magazzino.

Altro ingrediente fondamentale nell’organizzazione della catena logistica è la capacità di reazione al cambiamento; diventa sempre più importante e strategico sviluppare delle competenze mirate alla creatività, alla capacità di creare soluzioni alternative rapide che a volte divergono dal piano originale di uno specifico progetto ma che sono necessarie per rispondere in maniera rapida ed efficiente alle necessità del mercato.

Che sia la gestione di un canale b2b o b2c, le parole d’ordine restano sempre e comunque reattività, innovazione e resilienza, punti cardine di una catena logistica di eccellenza.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.